Caldaie a legna

" Le caldaie a legna per il riscaldamento domestico sono un'alternativa a quelle alimentate a gas e gasolio "

Data: 21/12/12 | Vista: 4749

Caldaie a legna

Le caldaie a legna: un'alternativa alle comuni caldaie a gas

Le caldaie a legna sono uno dei tantissimi modelli di caldaie disponibili oggi in commercio. Ciò che le distingue dalle caldaie a gas, come s'intuisce, è l'alimentazione: le prime sono alimentate, appunto, a legna. Queste caldaie, simili alle caldaie a pellet e poco diffuse in città, sono molto utili in tutte quelle zone di montagna o di campagna in cui la reperibilità di gasolio o gas è difficile e in cui, al contrario, non vi è particolare difficoltà a trovare della legna.

Le caratteristiche delle caldaie a legna

Le caldaie alimentate a legna sfruttano lo stesso principio dei tradizionali camini. A differenza di questi ultimi, però, invece che scaldare un solo ambiente (quello in cui sono costruiti) scaldano l'intera abitazione perché sono collegate a un impianto di riscaldamento. Dal punto di vista strutturale, le caldaie a legna sono caratterizzate internamente dalla presenza di due aree distinte: quella destinata ad accogliere la legna all'interno della quale il combustibile brucia, e quella destinata al tiraggio forzato dell'aria calda.

Le tipologie di caldaie a legna

Esistono diverse tipologie di caldaie alimentate a legna in commercio. Fra tutte, le più affidabili e in grado di offrire una resa migliore sono le caldaie a fiamma rovesciata, distinguibili in due tipologie diverse: le caldaie soffiate e quelle aspirate. Le prime sono caratterizzate dalla presenza di un soffiatore situato nella parte anteriore mentre le seconde sono dotate posteriormente di un aspiratore. Il compito del ventilatore (soffiatore o aspiratore) è quello di incanalare le fiamme verso il basso nella camera di combustione: è qui che la legna viene bruciata completamente determinando la produzione di calore.

Materiali e aspetti negativi legati al loro possesso

Le caldaie a legna sono realizzate principalmente in ghisa o in acciaio, i due materiali tipici alla base della costruzione dei termosifoni e di molti altri sistemi di riscaldamento. In entrambi i casi, tali materiali potrebbero essere sottoposti in fase di produzione della caldaia a trattamenti volti ad aumentare la loro resistenza alla corrosione e, in generale, ad aumentare il ciclo di vita della caldaia stessa. L'unico effetto negativo legato al possesso di queste caldaie è il loro costo. Non si tratta di caldaie economiche purtroppo. I modelli più economici sono caratterizzati dalla caldaie a tiraggio normale: funzionano anche in assenza di energia elettrica perché non hanno ventilatori al loro interno. In compenso, però, la loro resa è minore rispetto a quelle a tiraggio forzato.

"Caldaie a legna "

Voto: 5 su 5
di 1 votanti.

Voti Articolo


Torna Su