Incentivi caldaie a condensazione

" Tutto sugli incentivi del 65% (ex 55%) per l'acquisto delle caldaie a condensazione introdotte dal DL 63/2013. "

Data: 12/1/18 | Vista: 1950

Incentivi caldaie a condensazione

Incentivi caldaie a condensazione salgono al 65%: tutti i dettagli introdotti dalla Legge di Bilancio 2018

La Legge di Bilancio 2018 ha prorogato gli incentivi per caldaie del 65% fino al prossimo 31 dicembre 2018 in modo da poter offrire la possibilità di accedere ancora alla massima detrazione fiscale legata alla sostituzione delle vecchie caldaie con i modelli a condensazione.

Cosa cambia rispetto a prima in merito agli incentivi per le caldaie a condensazione?

Il DL 63/2013 ha previsto l'aumento degli incentivi per le caldaie a condensazione dal 55% al 65% innalzando la spesa detraibile di ben 10 punti percentuale. A questa novità nel corso degli anni se ne sono accompagnate altre come la decorrenza anticipata. Si ha diritto agli incentivi del 65% sull'acquisto delle caldaie a condensazione, in particolare, anche nel caso in cui il loro acquisto sia stato effettuato a partire dal 6 giugno 2013. Oltre alle caldaie a condensazione la detrazione Irpef del 65% può essere richiesta anche per: l'installazione di pannelli solari volti alla produzione di acqua calda sanitaria; gli interventi volti alla riqualificazione energetica dell'edificio; l'installazione di nuove finestre (infissi) e strutture opache.

La Legge di Stabilità del 2015, inoltre, ha inserito come spese detraibili al 65% anche quelle relative all'acquisto e alla messa in opera delle schermature solari compatibili con quelle elencate nell'allegato M del decreto legislativo 311/2006 fino a un tetto massimo 60.000 € e l'acquisto e l'installazione di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati a biomasse combustibili fino a un tetto massimo di 30.000 €.

La Legge di Stabilità 2016 ha messo a disposizione gli incentivi del 65% legati all'acquisto e all'installazione dei sistemi per il controllo remoto degli impianti di riscaldamento e di climatizzazione. L'entrata in vigore della Legge di Bilancio 2018, infine, ha prorogato ulteriormente di un anno tali incentivi fiscali.

Ricapitolando, quindi, per poter accedere agli incentivi fiscali del 65% bisogna:

  • sostituire la vecchia caldaia con un modello a condensazione almeno di Classe A;

  • installare le valvole termostatiche su ogni termosifone;

  • installare contestualmente alla caldaia un sistema di termoregolazione evoluto di Classe V, VI o VII;

  • inviare all'ENEA le relative comunicazioni.

Incentivi caldaie: 50% sui servizi di manutenzione ordinaria e straordinaria

È stata prorogata fino al 31 dicembre 2018 anche la possibilità di accedere alle detrazioni Irpef in merito agli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. Rientrano nelle opere di manutenzione ordinaria, in particolare, tutte quelle attività volte a integrare e mantenere efficienti gli impianti tecnologici già esistenti. Nella manutenzione straordinaria, invece, sono comprese le opere volte a realizzare o integrare i servizi tecnologici. Se siete alla ricerca di professionisti del settore, contattate il centro di assistenza più vicino a voi!

L'iva agevolata al 10% sui servizi professionali nell'ambito degli incentivi per le caldaie

Oltre alla possibilità di richiedere gli incentivi del 65% e del 50% è stata mantenuto inalterata anche la possibilità di richiedere l'iva agevolata al 10% sui servizi di installazione e manutenzione delle caldaie.

Se desiderate migliorare l'efficienza energetica della vostra abitazione approfittatene!

Scarica il file PDF

Scarica il file PDF

"Incentivi caldaie a condensazione "

Voto: 5 su 5
di 1 votanti.

Voti Articolo


Torna Su