Incentivi cambio caldaie in scadenza il 31 dicembre 2018

" Le caratteristiche degli incentivi fiscali del 50% per la sostituzione delle caldaie con i modelli ad alto rendimento. Scopri tutti i dettagli! "

Data: 9/1/18 | Vista: 2787

Incentivi cambio caldaie in scadenza il 31 dicembre 2018

Incentivi sostituzione caldaie: scadono il 31 dicembre 2018 le detrazioni del 50%

È stata prorogata la possibilità di accedere agli incentivi sulla sostituzione delle caldaie pari al 50% previsti dal Decreto Sviluppo (DL 22 giugno 2012 n. 83). L'ultimo giorno per poter fare domanda, infatti, è il 31 dicembre 2018.

Cosa prevedono gli incentivi del 50% sulla sostituzione delle caldaie

Le detrazioni del 50% sulla sostituzione delle vecchie caldaie murali sostituiscono quelli del 36%. La sostituzione delle vecchie caldaie a gas, infatti, rientra nell'ambito delle ristrutturazioni edilizie ed è soltanto una delle spese che possono essere cumulate per ottenere la detrazione IRPEF. Le agevolazioni del 50%, inoltre, sono previste per le spese complessive di importo non superiore ai 96.000 € per ogni unità immobiliare. L'importo sostenuto per il cambio della caldaia con un modello ad alto rendimento, in particolare, verrà restituito sotto forma di detrazione IRPEF in 10 rate annuali di pari importo. Oltre alla detrazione è possibile usufruire anche dell'Iva agevolata al 10%.

Quali caldaie possono rientrano nell'agevolazione Irpef?

Le vecchie caldaie la cui sostituzione è in linea con la detrazione del 50% delle spese sostenute, sono quelle regolate dal DPR 59/09. I modelli utilizzabili in sostituzione sono quelli ad alto rendimento realizzati da tutte le aziende che si occupano di climatizzazione e riscaldamento. Si tratta, in particolare, di caldaie più ecologiche che riescono a garantire ottime prestazioni a fronte di consumi inferiori.

Desiderate approfittare della detrazione del 50%? Contattate il centro di assistenza caldaie più vicino a voi per verificare la disponibilità di caldaie ad alto rendimento!

Scarica il file PDF

Scarica il file PDF


Torna Su