Riscaldamento Condominio

" Tutto quello che c'è da sapere sul riscaldamento condominiale, un tipo di riscaldamento centralizzato che può essere fonte di risparmio. "

Data: 27/10/14 | Vista: 1158

Riscaldamento Condominio

Riscaldamento in condominio: caratteristiche e regole

Il riscaldamento in condominio, centralizzato dunque, può essere fonte di risparmio. Innanzitutto, una caldaia sola e di grande potenza ha rendimenti notevolmente migliori di tante piccole caldaie, come quelle individuali. Allo stesso modo, le spese di manutenzione sono senza dubbio inferiori nel caso del riscaldamento a condominio, in quanto, i relativi oneri per ogni intervento, che come numero annuo e importo sono quasi equivalenti, sia nel caso di una piccola che di una grande caldaia, vanno ripartiti tra tutti i condomini. Ma la prova decisiva che, secondo alcuni, privilegia il riscaldamento centralizzato tipico dei condomini, è quella della minor spesa individuale per il combustibile.

Il riscaldamento di un condominio: le regole per un comportamento corretto

Il condominio è un'entità composita nata per far convivere i condomini nel mutuo rispetto e che non si può in nessun caso, e quindi nemmeno per quello che riguarda riscaldamento, considerarsi come delle entità singole ed autonome, bensì sempre legate agli altri. Sulla base di ciò, si stabilisce che le unità devono tutte essere riscaldate allo stesso modo: si tratterà di dotare l'edificio di un impianto di riscaldamento centralizzato che funzioni nel modo migliore con efficienza e risparmio energetico. L’impianto di riscaldamento del condominio dovrà quindi essere munito di un dispositivo automatico per la regolazione della temperatura dei locali, in funzione di quella esterna. Ogni locale sarà dotato di una superficie radiante calcolata in funzione, non del solo volume riscaldato ma di tutte le condizioni reali facendo in modo che tutti abbiano la medesima temperatura.

Il riscaldamento in condominio e le spese

La suddivisione della spesa per il riscaldamento invernale di un condominio tra i condomini dovrà essere fatta, non sulla base della tabella millesimale generica, che è proporzionale al valore di ogni singola unità immobiliare, bensì usando un’apposita tabella millesimale redatta tenendo conto degli elementi che hanno attinenza con il riscaldamento e, in maniera predominante, dei volumi riscaldati. Il calcolo della spesa sostenuta annualmente per il riscaldamento centralizzato del condominio e per la produzione di acqua calda domestica, sarà fatta determinando, con calcolo teorico e verifica pratica, il costo del combustibile e delle spese di manutenzione che si debbono sostenere.


Torna Su