Riscaldamento Domestico

" Per un riscaldamento domestico più efficiente e un risparmio in bolletta, si possono effettuare numerosi interventi utili a ridurre le perdite termiche della nostra casa. "

Data: 27/10/14 | Vista: 1152

Riscaldamento Domestico

L'importanza dell'isolamento termico nel riscaldamento domestico

Il riscaldamento domestico e la produzione di acqua calda rappresentano circa il 20% dei consumi energetici nazionali. Per diminuire il fabbisogno energetico legato al riscaldamento e quindi risparmiare, si può agire sulla struttura dell’edificio curandone l’isolamento termico: un metodo che permette di risparmiare cifre consistenti sulla bolletta. Si può provvedere, inoltre, ad installare una caldaia ad alto rendimento e una tipologia dell’impianto di riscaldamento a pannelli radianti o termoconvettori. Tra gli altri metodi, c'è la possibilità di utilizzare piccoli accorgimenti per risparmiare energia come l’uso di valvole termostatiche o cronotermostati; il migliore sfruttamento dell’energia solare che penetra nei locali abitati.

L’importanza dell'isolamento termico

Per rendere il riscaldamento domestico più efficiente si possono effettuare numerosi interventi utili a ridurre le perdite termiche della nostra casa, per esempio agendo sull'involucro edilizio che costituisce l'elemento di separazione tra l'ambiente esterno, per sua natura variabile, e l'ambiente interno, che deve invece essere caratterizzato da condizioni il più possibile stabili e rispondenti alle esigenze di comfort ambientale. Altro elemento importante per mantenere un buon livello del riscaldamento domestico, è l'utilizzo di finestre a doppi vetri con infissi in legno o materiali termoisolanti, così come un isolamento migliore per il tetto e il soffitto dei locali non riscaldati, come garage e cantine.

La tipologia degli impianti per il riscaldamento domestico

Per quanto riguarda il tipo di impianto scelto per il riscaldamento domestico, bisogna scegliere quello più adatto alle proprie esigenze: in caso di nuova costruzione o di ristrutturazione è meglio adottare impianti di tipo radiante a bassa temperatura, a pavimento o parete, abbinati all'uso di caldaie ad elevata efficienza. Per gli impianti tradizionali con termosifoni è utile installare valvole termostatiche sui radiatori in modo da poter regolare la temperatura in base alle caratteristiche della stanza, così come è importante prevedere l'accensione automatica dell'impianto attraverso cronotermostati programmabili. Per un corretto funzionamento sia di un impianto di riscaldamento domestico vecchio che di uno nuovo, occorre far verificare periodicamente il rendimento della caldaia e curare la manutenzione e la pulizia dell'apparecchio.

Desiderate progettare un impianot di riscaldamento domestico? Rivolgetevi ai nostri tecnici!


Torna Su