Incentivi Pannelli Fotovoltaici

" Gli incentivi per i pannelli fotovoltaici portano notevoli vantaggi costituiti dalla somma dei benefici economici del Conto Energia e dal risparmio derivante dall’autoproduzione della corrente. "

Data: 30/10/14 | Vista: 912

Incentivi Pannelli Fotovoltaici

Incentivi per pannelli fotovoltaici: tutta la documentazione per ottenerli

Gli incentivi per chi installa pannelli fotovoltaici sono presenti nella legge Conto Energia. Conto Energia è il nome comune assunto dal programma europeo di incentivi per la produzione di elettricità mediante pannelli fotovoltaici connessi alla rete elettrica. Grazie a questo sistema sono garantiti incentivi a tutti gli impianti di pannelli fotovoltaici che soddisfano le caratteristiche contenute nella legge; il rimborso per le spese di produzione va da un minimo di 40 centesimi per kilowatt prodotto dagli impianti con i pannelli a terra, fino ai 49 centesimi per quelli integrati negli edifici. Gli incentivi hanno una durata di 20 anni a decorrere dalla data di entrata in esercizio dell'impianto e sono aggiornati all'inflazione.

La Legge Nuovo Conto Energia e gli incentivi per i pannelli fotovoltaici

Gli incentivi per i pannelli fotovoltaici riguardano sia gli impianti realizzati dal singolo utente, che quelli condominiali. Tutto l'impianto deve essere realizzato in conformità alla normativa comunitaria e alle disposizioni contenute nella legge per quanto riguarda la componentistica, l’allacciamento alla rete, i rendimenti e possedere il certificato di collaudo finale. Per ottenere gli incentivi per i pannelli fotovoltaici occorre, infatti, allegare tutta la documentazione sulla base della quale saranno effettuate le verifiche per il calcolo dei rimborsi e il pagamento.

Gli incentivi per i pannelli fotovoltaici e il risparmio in bolletta

Al vantaggio degli incentivi per i pannelli fotovoltaici, va aggiunto il risparmio sulla bolletta. Secondo la Finanziaria 2007, il Conto Energia prevede il riconoscimento, per un periodo di 20 anni, di una tariffa incentivante per ogni kWh prodotto dai pannelli solari fotovoltaici operanti in regime di scambio sul posto: l’energia prodotta viene conteggiata da un apposito contatore, installato all’interno dell’edificio, prima di essere immessa nella rete di distribuzione nazionale, da cui viene successivamente prelevata dall’utente stesso per la copertura del proprio fabbisogno energetico. Al ricavo derivante dal riconoscimento della tariffa incentivante, l’utente, che investe nella realizzazione di un impianto fotovoltaico, deve sommare il risparmio effettivo sulla bolletta della corrente: al termine dei 20 anni in cui godrà dell’erogazione degli incentivi per i pannelli fotovoltaici, l’utente continuerà ad immettere corrente nella rete e a prelevarla gratuitamente a seconda delle proprie esigenze. I vantaggi economici del progetto di incentivi per i pannelli fotovoltaici sono quindi costituiti dalla somma dei benefici economici del Conto Energia e dal risparmio derivante dall’autoproduzione della corrente.


Torna Su